#FILM: Prisoners, bello ma meh

0

Visto ieri questo Prisoners: bello e tiene sulle spine, ma alla fine è piuttosto sciapo e non realizza appieno il suo potenziale.

La trama è che c’è Wolverine a cui rapiscono la figlia e Donnie Darko è il detective che si occupa del caso, ma secondo Wolverine la polizia non capisce un cazzo per cui prende lui la situazione in mano arrivando a compiere gesti piuttosto discutibili.

Il modo migliore che ho di descrivere questo film è che pare la prima stagione di True Detective se non l’avesse diretta Cary Fukunaga: in Prisoners s’intuiscono tanti dietro le quinte riguardo alla caratterizzazione dei personaggi e alla filosofia che c’è dietro le loro azioni, ma il tutto è solo accennato, e soprattutto è fortemente addomesticato per ricondurlo nel recinto del filmetto carino e godibile, ma che non osa mai troppo per non rischiare di scontentare il grande pubblico.

Del resto il regista è Denis Villeneuve, e in fondo anche di Arrival si poteva dire lo stesso: super alieni extradimensionali che arrivano e mettono a soqquadro il mondo e poi tutto si risolve con una mezza scureggetta, e vabbè.

Comunque molto vedibile grazie a una narrazione che sa tenere sulle spine fino all’ultimo, peccato perché poteva essere molto meglio, ma vabbè!

Prisoners (2013)

trakt.tv
When Keller Dover’s daughter and her friend go missing, he takes matters into his own hands as the police pursue multiple leads and the pressure mounts. But just how far will this desperate father go…

Io sono sensibile e tutt’ora sogno la scena della doccia con terrore

ho adorato Gyllenhaal in questo film, quando arriva in ufficio e butta tutto all’aria…. Fantastico. Una delle sue parti migliori.

Comments are closed.