“La scomoda verità dietro al successo di Steam”

0

La scomoda verità dietro al successo di Steam

multiplayer.it Poche copie vendute, ricavi insufficienti e un ecosistema sempre meno sostenibile per gran parte degli sviluppatori. Mike Rose e il suo piccolo team, RageSquid, negli ultimi tempi hanno ottenuto u...
La verità?
In futuro le SH medio-piccole probabilmente dovranno fare accordi per vendere i loro giochi direttamente a servizi di abbonamenti mensili, cosicché si possa pagare il loro utilizzo una tantum e magari con fasce progressive di premi in base alla quantità di download del loro gioco da parte degli utenti. La democratizzazione del fallimento. 😅 Vabbè il mercato cambia... Succede ovunque sempre e con ogni bene/servizio. Ragazzi il problema è Steam stesso come lo è android o ios, senza reali filtri o selezioni l unica cosa che si ottiene è intasare il market di uscite inutili che inevitabilmente offuscano e sommergono chi questo lavoro lo fa con serietà e professionalità, e parlo anche dei ragazzi giovani che si approcciano al mercato. In pratica se fossero usciti oggi Undertale, Shovel knight o persino Rogue Legacy sarebbero scomparsi dietro migliaia di infimi ed inutili giochi . Stessa situazione per le app o per i libri. É la teoria della coda lunga applicata ai fornitori. Ma i conti prendono in considerazione OGNI gioco uscito senza fare distinzione di sorta tra la merdata fatta con 2 assets rubati o quello fatto con un minimo di senso?
Nell’articolo dicono di aver escluso quelli palesemente ottenuti da asset esistenti Errore mio, non ho letto per bene nell'articolo fanno due stime: quella prendendo tutto e quella prendendo solo giochi legit. Io ho pubblicato un gioco legit a Dicembre e viste le vendite attuali dubito che vedrò mai 30k usd lordi nel primo anno. Hai fatto il calcolo che dicono loro per presumere il totale del primo anno?
Si ma questa cosa esiste da sempre ed esisterà da sempre. Tutti vogliono fare videogiochi ma non tutti ci riescono. Bello il pezzo , interessante la considerazione Il problema di Steam rimane la troppa qualità, che è paradossale, ma è vero. Negli altri store - per fare un esempio - non ti capita di portare a casa titoli di saghe storiche per qualche euro. Inoltre un team medio che ambisce solo a rilasciare su Steam oramai ragiona da "team piccolo". Solo che forse il team piccolo è avvantaggiato perché ha più margine per ammortizzare i costi produttivi. Tra qualche anno sarà obbligatorio rilasciare per tutte le piattaforme. Secondo me, ovviamente.

Comments are closed.