#VIDEO: Francesco Alò – Ready Player One, di Steven Spielberg

0
Ad Alò il film è piaciuto, ma fin dall'inizio c'è una cosa si chiede: Com'è possibile che la gente del 2047 possa essere così legata a un'immaginario per loro vecchio di ben 70 anni? Non c'è proprio stato nulla in quello spazio?

Francesco Alò ci parla di Ready Player One, il film diretto da Steven Spielberg e interpretato da Tye Sheridan, Olivia Cooke, Ben Mendelsohn e Simon Pegg, in...

Me lo sono chiesto anche io, praticamente ci sono 30 anni di vuoto cosmico. Penso che l'avatar più recente che fanno vedere sia quello di Tracer. Nel libro spiega che il creatore del mondo virtuale era un appassionato degli anni 80 e ,visto che quel mondo veniva frequentato da praticamente tutti,sono tutti di rimando diventati appassionati di quel periodo. È una bella domanda Marco.
Oppure, come sostengo da un po'...finora è uscita solo merda? #hmmm Vabbè basterà fare un sequel con fantastici nuovi personaggi come le GhostFEMMINE, Jem (remake), Total recall (remake), Godzilla (remake), Pacific Rimming... Ce n'è dai. Ma perché vi interrogate sul sesso degli angeli? 😓 per l’esperienza che il film doveva creare si sono inventati un luogo immaginario che per dargli un senso hanno infilato nel futuro ma i ricordi da riesumare si trovavano già in un passato consolidato e già vissuto 😓 Semplicemente sono ritornati di moda gli anni ‘80 perchè il creatore di Oasis è un super fan di quel periodo, se il sistema più diffuso al mondo è pieno di rimandi a quell’epoca praticamente tutti diventano appassionati di quell’immaginario.
P.s che poi chissenefrega no? se vi mettono un immaginario pop di un futuro che non è ancora esistito, come fate ad immedesimarvi e diventare fan del film? dai raga, ce la possiamo fare 🤣

Comments are closed.