Pensavate di diventare fotografi di videogiochi, e invece…

0
No ragazzi, il photo mode dei videogiochi non vi rende fotografi. E se sai fare fotografie in real life anche? :D
Non ti cambia davvero niente :D Che poi fotografo secondo me lo si può dire solo di chi lo fa di mestiere.
:(

Sì sì, si possono produrre bellissime immagini, ma non è fotografia. Non sto facendo distinzioni qualitative, dico che è proprio un'altra cosa. Mmm, allora anche le immagini postprodotte non lo sono :D Quelle partono da una fotografia, questa no :D Cosa cambia? Che una è in un ambiente reale e l'altra no?
In Hellblade cambi esposizione, apertura del diaframma, lunghezza focale.
Ok, non è come usare una macchina vera ma ci si avvicina.
Ci si ritrova a spostarsi in un ambiente virtuale a cercare l'angolazione perfetta. Infatti, mi sfugge la differenza. Enrico dichi qualcosa! :D Grazie per il quote Lore. Sto facendo una tesi in merito, proprio sulla in game photography, forse qualcuno ha letto il mio posto tempo fa.
Astraendo e riferendosi al termine "fotografia" come all'atto meccanico di catturare un istante, la in game photography per me è indubbiamente fotografia. Inoltre la fotografia, anche quella di reportage non ha mai rappresentato "il vero".
Da un punto di vista concettuale sia nella realtà che nei videogiochi, si sta operando un ritaglio, si sottrae una porzione di realtà (simulata o meno), per farne altro. Magari il buon Simone aveva in mente un suo parere ben specifico che sarei davvero interessato a conoscere :) Ora mi leggo i commenti sottostanti :)
Ouch, someone is in that time of the month
Io in quel periodo ci sto 31 giorni al mese, anche a febbraio :D
dillo al tuo sottoposto del sito amante degli indie 😂
Guarda che non sto discutendo che si possano ottenere delle belle immagini. Solo non sono foto :D Anche io con il photo mode di Hellblade mi sono divertito https://4.bp.blogspot.com/-sLzJYax24co/WcAsrTBz0tI/AAAAAAAANo4/PSNX-VywF2knAAXlzRMTcZPDGNTlIg4gQCLcBGAs/s1600/HellbladeGame-Win64-Shipping%2B2017-08-28%2B19-16-20-356.jpg

https://4.bp.blogspot.com/-HEzD2ecKEsI/WcAsrD0RPNI/AAAAAAAANo0/wMIejMD77FoLLpJBXgbwRyJKMFAx1eYdgCLcBGAs/s1600/HellbladeGame-Win64-Shipping%2B2017-08-28%2B19-21-23-593.jpg

https://3.bp.blogspot.com/-59eHw2F25Nw/WcAsvhPUJdI/AAAAAAAANpE/AJ3UvjLWvikaXgKX_jZfIp7psBMvTHPFwCLcBGAs/s1600/HellbladeGame-Win64-Shipping%2B2017-08-28%2B19-47-47-049.jpg

Sempre foto non sono :D
E invece si magari fotografi no, ma guardoni sì!

Questo è il nuovo Mario? visto che evoluzione?
cmq al di là delle battute quali sono le differenze Simone? cioè nei videogiochi non devi "cogliere l'attimo", sicuro, né devi "guidare" eventuali modelli/e, ma a parte questo? chiedo per sincera curiosità eh, non per provocare!
Suppongo innanzitutto un fattore di conoscenza delle basi della fotografia: inquadratura, messa a fuoco, composizione dell’immagine, esposizione ecc. tutte cose che il photo mode fa ma “a culo”, attivandolo e cambiando i parametri DOPO aver fermato il tempo e senza una progettazione cosciente del “fotografo virtuale”.

In sostanza, le fai a culo vs. il fotografo le fa con uno studio E allora ogni singola cazzo di fotografia non fatta con una reflex non è una foto? :D Diciamo che nei videogiochi non hai in mano uno strumento che fa fotografie, ma il motore di gioco ti permette di osservare una scena fissa da diverse angolazioni. Inoltre concetti come apertura del diaframma, tempi di scatto, ISO e così via, che sono fondamentali per la fotografia, perdono di senso. Infine la fotografia è tecnicamente luce impressa su pellicola/sensore, qui invece la scena viene elaborata da qualcuno che ti ci dà accesso. Le photo mode permettono di prendere immagini molto belle ma sono, appunto, immagini realizzate inquadrando una scena precalcolata da una certa angolazione, non fotografie. beh qualche punto in comune però c'è, tipo a livello di composizione, illuminazione, filtri eventuali etc, no? Niente, Simone è preso da hipsterismo. Totus Von Sciara chiamiamole e-photo e non se ne parli più! Trovo stupido sinceramente fare questa differenzazione, oltre che da purista. Quindi se io faccio una foto con un telefono non è una foto? Anche se sono il più grande fotografo del mondo? Possiamo arrivare a differenziare magari fotografia reale da digitale ma dire che assolutamente quelle non sono fotografia proprio non lo capisco. Bruno Barbera La composizione fotografica è basata sulla sezione aurea, quindi volendo le photo mode hanno qualcosa in comune anche con la pittura. I filtri fanno parte della fotografia ma non sono fondanti per la fotografia. L'illuminazione invece è gestita in modo completamente differente e viene decisa da chi crea il gioco, non dal "fotografo", che può lavorarci solo in post produzione. Mirko Sardella Fare la foto con un telefono è, appunto, fare una foto :D Hai in mano uno strumento fotografico, per quanto limitato, e parti dalla realtà, non da un ambiente virtuale. Questa l'ho fatta con un telefono: https://www.flickr.com/photos/simone_tagliaferri/36837315654/in/dateposted-public/

Questa anche: https://www.flickr.com/photos/simone_tagliaferri/23744077968/in/dateposted-public/

a che vuol dire? Quindi se io scrivo un libro ma non lo pubblico in fisico non è libro perchè non c’è fisicamente il libro? Mi prendi in giro? Un libro, a parte l'oggetto fisico, è tecnicamente il testo che contiene, che puoi scrivere come ti pare: con l'inchiostro, su Word, con uno scalpello sulla pietra. La fotografia parte necessariamente dal mondo fisico. Paradossalmente se crei un'immagine con il photo mode e la fotografi con un telefono hai fatto una fotografia (brutta), mentre un'immagine di gioco non è tale. È la stessa cosa del libro secondo me. Ovviamente parlo se c’è il photo mode che permette una serie di funzioni, senza è solo uno Screenshot. Perô continua a non capire questa differenza, io le chiamerei semplicemente e-photo, come dice Bruno. Totus “non sei un fotografo” =/= “non è una foto” Mirko Sardella, per me potete chiamarle anche fotografie eh, solo che tecnicamente non lo sono e, soprattutto, non si diventa fotografi facendole :D Fai mille scatti in un gioco e poi prova a gestire una modella in uno studio con un certo numero di faretti oppure vai a fotografare un paesaggio molto contrastato e vedi se è la stessa cosa. Alessio De Matteo Guarda, come tecnica è la stessa di fare un bello screenshot. Ti piazzi e premi un tasto. Cambia che non hai l'oggetto fisico nelle mani, aka "ilcazzodelfotografo" No che non sono la stessa cosa, ma sono due generi diversi tutto qui. Ci vuole tecnica per fare belle foto con il photo mode e non tutti sono capaci. E come ti viene a culo anche nella realtà ti viene a culo digitalmente. Che poi non rende fotografia siamo assolutamente d’accordo, ma non definirle foto mi sembra esagerato. Totus Von Sciara Tecnica la stessa su quale pianeta? :D Totus lo screenshot è cosa molto diversa da fare una fotografia, anche solo di un paesaggio o di un palazzo Secondo me voi confondete composizione fotografica con fotografia. Se premi il tasto su uno smartphone o su una compatta e premi un tasto sul pc per fare "Acquisisci immagine" che cambia? Totus Von Sciara Detta così se scopi con un essere umano o con il serbatoio di un ferro da stiro, che cambia? Sempre buchi sono. Io penso che un fotografo potrebbe usare il photo mode in modo professionale. Questo vorrà dire qualcosa no? Non so, io ogni screen lo imposto come se facessi una foto :P
Uso quello che so dal mondo reale nel mondo digitale. Se ci fosse una macchina digitale digitale la imposterei come dico io, sapendo quello che sto facendo. Comunque, è di un hipsterismo ridicola sta discussione, mi dissocio. Au revoir! E continuate pure a confondere composizione fotografica con fotografia, che vi devo dire? :D E vabbè simone saremo noi scemo che ti devo dì. Mi associo a Totus. Bye. Scusami, hai detto però che né sono fotografie, né chi le fa è fotografo. Ma, considerando che dietro c'è (come ammesso da te) un lavoro di composizione fotografica, perché chi le fa non sarebbe un fotografo? Ci sono diversi fattori che negano alla cattura di immagini nei videogiochi lo status di fotografie. La prima è che manca la realtà e tutto ciò che essa comporta nell'atto di fotografare, la seconda è che mancano attimo e unicità, ossia tutto ciò che avviene sullo schermo è ripetibile e vivibile da più persone, la terza è che per quanto possano essere vivi, ai mondi virtuali manca la plasticità del mondo reale. Facciamo un esempio: di un personaggio posso fare sicuramente un ritratto componendolo come una buona fotografia (occhi all'altezza giusta, taglio corretto e così via), ma: 1) non è un ritratto unico (il personaggio ha delle espressioni fisse create dal software) 2) è un ritratto fattibile da chiunque (se non uguale, molto simile) 3) il ritratto non racconta il personaggio, ma il personaggio nel gioco, che è già di suo frutto di una rappresentazione immutabile. La sostanza è che più proprio parlare di screenshot dalla composizione fotografica che di fotografia. Simone, e se volessi fare un ardito parallelismo tra quello che affermi sulla fotografia e il recente caso degli e-sport alle Olimpiadi? I VG ha senso inquadrarli come gli altri sport olimpici? Non capisco quale sia la differenza qualitativa data dal fatto di partire o meno da un mondo fisico.

Non credo che sia quello il distinguo, per secoli essere musicista significava suonare strumenti fisici, oggi lo puoi fare tramite computer, non credo che questo renda un musicista piu' o meno musicista.

La fiscita' o la virtualita' dell'atto non lo cambiano fondamentalmente quando non parliamo di atti che sono definiti dalla fisicita' stessa. Correre una maratona realmente, o virtualmente, sono cose completamente diverse perche' richiedono tecniche, atti completamente diversi.

Essere regista di un film dal vivo o essere regista di un film in CGI invece no, sempre regista sei, non lo chiamiamo essere un "e-regista", o un "e-attore" o un "e-fotografo"... Angelo Pesce La musica fatta al computer però è musica, ossia mantiene la stessa funzione della musica suonata con strumenti veri, anche se ha una qualità differente. Il sol è il sol, per così dire. La fotografia di un mondo virtuale perde parte della sua funzione. Ne ha sicuramente un'altra, ma è di fatto terribilmente limitata. Mhm, a quale "parte della sua funzione" alludi?
No, però io ho visto foto fatte con il photomode di Horizon Zero Dawn che lascia fare ... erano anche più belle di quelle ufficiali di release del gioco.
Come già detto in altri commenti, non sto discutendo che possano venire fuori delle bellissime immagini. :) Non ho letto altri commenti, infatti la mia era una osservazione.
Ho anche detto: lascia fare.
In questo modo ho sottolineato che no, non sei fotografo, però oh la qualità è davvero simile.
Mai pensato di essere un fotografo. :D A me piace rivedere gli screen di giochi giocati molto tempo prima per fare la faccia:
Tra l'altro mi sono fatto un profilo twitter apposito per la PS4 in modo da non intasare il mio facebook: https://twitter.com/starbuck_eric

Non ho una opinione sull'argomento ma lasciatemi dire una cosa: faccio screenshots a qualsiasi pantsu meritevole mi capita a video.
Preferibilmente giapponesi. quindi, recapitolando: usare la photo mode dei videogiochi è alla stregua di essere veri e propri fotografi, gli e-sports sono alla stregua delle discipline olimpiche e come tali vanno trattati e magari tra un paio d'anni sputeremo in faccia a Vettel e Hamilton perché avremo fatto dei buoni tempi a GT Sports.
Ok.
Io preferisco rimanere nel mio mondo in cui giocare ai videogiochi é semplicemente GIOCARE AI VIDEOGIOCHI e se ho voglia di dedicarmi ad altro preferisco applicarmici ed imparare a farlo nella vita vera, con tutti i miei limiti.. Nemmeno una macchina fotografica. https://www.facebook.com/Bresciani-Emanuele-Electricblueskies-146588005387748/

Bresciani Emanuele - Electricblueskies

www.facebook.com A website focused on the difficult task to prove that Art in gaming is actually Art
Conosco bene e mi piace moltissimo il blog di Emanuele. Quindi? Penso che sia la prova che il photo mode (e non solo) sia un mezzo come qualsiasi macchina fotografica, e che chi possiede un dono possa fare quello che vuole tenendo in mano sia una usa e getta della Canon, quelle che andavano a rotella, o appunto un motore di gioco. È "fotografia" vera? A mio avviso sì, nello stesso modo in cui un'opera digitale creata con una tavoletta grafica è un quadro. No. Le photo mode permettono di catturare immagini solo in un determinato mondo, modellato da qualcuno e limitato per quanto magari bellissimo. Anche il nostro mondo è modellato da un'entità: dalla natura, o da dio direbbe quacluno, ed è limitato a una porzione infinitesimale di un pianeta random in un universo infinito. I videogiochi sono vari, potenzialmente infiniti e raggiungibili a differenza del nostro "reale" che non ci permette di andare troppo oltre il nostro pianeta. Per certi versi: photo mode > fotografia reale. Andrea Brandi Secondo questa logica tutto è tutto, perché tutto è riducibile a tutto. Mi piace. Vado a costruire il ponte sullo stretto di Messina perché sono bravissimo in Bridge Simulator :D
Giornalista di m.it fa post contro la game photography per fare il figo e non viene licenziato
povero Simone solo io lo capisco!
Lo sapete che scrivere su un sito di videogiochi non vi rende giornalisti? :DDDDD
Mirko magari scrivessero tutti come Simone invece! Dai dai era solo una battuta, una piccola provocazione. sì certo è che mi dispiace vedere Simone preso a ridere quando se volesse potrebbe pisciare lui in testa a tutti come fotografo come scrittore come critico e come tutto, altro che quelli che vanno avanti a pane e sabaku e poi gli vanno a fare le pulci (poi magari pure lui provoca apposta evvabbè!) Beh volevo ritorcere contro di lui il suo stesso ragionamento. 😀 eh ma da questo si vede che non lo conosci perché lui è il primo a dire di non essere un giornalista, e di certo non lo smonti con 'ste tecniche da scuola media cmq vabbè mo ci manca che faccio il white knight di tagliaferri, basta così :D Ma non volevo smontarlo dai xD. Che permaloso anche tu Bruno. 😀 massì massì Bambini, bambini, basta dai oddio, quanto mi hai offeso :D Non sono un giornalista e non pretendo di esserlo.
Concordo con Simone ma gli contesto le basi della distinzione, perché a mio parere la dirimente essenziale è: il tempo.

il gtande fotografo COGLIE L'ATTIMO in un mondo dominato dal TEMPO, che è infermabile.

Il grande screenshottaro... Seleziona la migliore inquadratura in un mondo freezato, immobile, statico.

La differenza sostanziale è tutta qua.

Se non devi fermare tu il tempo scegliendo l'attimo perfetto... Non sei un fotografo.
Questo e' obiettivamente sbagliato. Secondo la tua definizione, un fotografo di prodotto, di still-life, di fashion, di paesaggi etc di mille altre categorie non puo' dirsi fotografo perche' non cattura nessun attimo fuggente... La fotografia non e' solo l'agenzia Magnum... Ah perché mentre fotografi la still life il tempo si ferma e tu puoi spaziare in ogni angolo del globo per mettere la macchinetta dove più ti aggrada? 😃

L'albero fa rumore pure se cade nel profondo della foresta eh 😁 Il tempo non si ferma come non si ferma neppure per il fotografo virtuale, entrambi invecchiano. Quello che è fermo in entrambi i casi è il soggetto, che è li immutabile per la tua macchina fotografica. Naaaaaaa... In un caso il soggetto ESISTE.

Nell'altro no.

Guitar Hero vs Santana. Andrea, smettia di dire cose solo per rompere le scatole, ti prego. Guitar Hero non ha nessuna connessione con suonare una chitarra vera, le skill che usi sono completamente diverse. E' come giocare a summer games vs fare surf nella vita reale...

Fare foto virtuali invece usa lo stesso linguaggio e tecnica di fare foto nella vita reale, soprattutto quando si parla di fotografia in studio. L'interfaccia e' diversa, certo, ma la tecnica e' in gran parte la stessa. Come un regista di un film in CGI non ha un ruolo enormemente diverso di un regista di un film live-action, ed infatti non chiamiamo le due professioni con nomi diversi.

#stacce #bastafregnacce Aoh, fate un po' come vi pare.
Lo screenshottaro deve diventare il nuovo eroe della NEXT GEN?
Amen.

Tanto chi fa il fotografo lo sa che è come guardare quello in sala giochi che fa le derapate in out run e pensa di avere davvero la Ferrari in garage. 🙂 Che poi te lo immagini lo screenshottaro mandato a fare il fotografo di guerra? 😂

"NONO FERMATE QUEL PROIETTILE A MEZZ'ARIA che mi si rovina l'effetto Matrix!!!1!!"
🤣🤣🤣 Come ho scritto, la fotografia non è solo l’agenzia Magnum. Ti confermi sempre troll con toni da troll Ci sono dei punti in cui si assomigliano di più, così come quando giochi a FORZA ci sono dei momenti in cui ti sembra davvero di stare nell'abitacolo dell'auto...

Però ribadisco.
Pure quando fotografi le pietre millenarie hai attorno aria, vento, pulviscolo, umidità, luce naturale...

Insomma: chiamami troll, orco, Babbo Natale o space cowboy... Fai come ti pare.

La differenza RESTA e palese. Continui ad ignorare il fatto che esistono fotografi di prodotto che non hanno attorno aria, vento, pulviscolo, umidita' e luce naturale, ma solo un set, luci, ed un oggetto...

Ma oh e' ovvio che quando non hai argomenti non rispondi a tono a quello che dico e fai il troll... Ah perché il tempo nello studio si ferma, l'ambiente è sottovuoto e la luce naturale scompare... 😄

Angelo, io comprendo la tua passione NEXT GEN ma non concordo; la zebra è geneticamente più simile all'uomo che al cavallo.

Same here. A questa cosa del tempo ti ho gia' risposto. Comunque c'hai ragione, ti bacio e ti abbraccio. ❤️
Cogito Ergo Sum - 2017 Edition. Quindi se io faccio mettere in posa un attore e preparo la stanza prima e gli dico di restare immobile allora non è una foto? Oppure se faccio una foto a una scena che ho preparato io centimetro per centimetro non è una foto?
La realtà è la realtà, il virtuale è un'altra cosa Perché un attore in posa ferma il tempo?

Ma che è, Heroes? 😂 Scena immobile come in uno screenshot. Continuo a non vedere la differenza, se la scena è immobile non mi interessa che le lancette si muovono. Se io fotografo una sedia che ho messo io in una posa non sto cogliendo l'attimo ma sto creando l'attimo migliore, esattamente come uno screenshot. Mirko ma il virtuale integra solo gli elementi previsti dal motore artificiale del mondo, la realtà integra pulviscolo, polvere, rughe, vita. La differenza tra foto e screenshot E la post produzione? La differenza è che se prendi un attore in un set chiuso e controlli la luce in modo artificiale, è comunque una nicchia che ti sei ricavato in uno spazio e in un tempo che sono continuo flusso naturale, una nicchia artificiale che hai saputo ricavarti nel TUTTO.
Uno screenshot di un videogioco no. È un fermo immagine di qualcosa che è inquadrato all'interno di una gamma di "cose" limitate a ciò che ha previsto il programmatore, non la natura.È qualcosa che qualcuno ha già limitato per te.
Non è esattamente la stessa cosa. un nicchia artificiale che ti sei ricavato nel tutto? Torniamo nel mondo reale per favore? Non mi interessano le definizione poetiche e filosofiche. Mirko non è filosofia, è un concetto molto pratico ma sembra che stai bastiancontrariando random 😀 non c'è niente di filosofico o poetico in quello che ho scritto...la capacità di ricavarti uno spazio artificiale da modellare su ciò che vuoi imprimere nell'immagine è una delle fondamenta della fotografia..è un concetto estremamente pratico "torniamo nel mondo reale" vorrei dirlo io a chi crede che fare una cosa tramite un videogioco sia effettivamente dedicarsi a quella attività... Una nicchia che ti sei creato nel tutto è un concetto pragmatico e non poetico. Va bene. Io dico solo che è un altro genere di fotografia se non si limita allo screenshot ma viene simulato lo strumento. Che poi tu non ce l’abbia in mano è un altro discorso, ma devi avere un minimo di conoscenze fotografiche per farlo decentemente. Ergo sono foto di un altro genere, come ci sono tanti generi all’interno della fotografia ci puó essere anche questo. In realtà per fare uno screenshot non devi avere nessun tipo di conoscenza fotografica, solo continuare a girare le levette finché non ti soddisfa il risultato e premere X. Fare una foto nella realtà è infinitamente più complesso Quindi se per giocare decentemente a FIFA ho bisogno di conoscenze tecnico-tattiche, questo fa di me un calciatore o un allenatore "di altro genere".
Se devo giocare a uno sparatutto, ho delle conoscenze che fanno di me uno stratega o un militare "di altro genere".
Per non parlare del fatto che se apro il solitario di Windows divento un croupier "di altro genere".
Ok. Mirko la differenza grande la fa l'esistenza fisica del fotografo nello spazio tempo 😁

Lui èeve combattere per l'inquadratura perfetta posizionandosi fisicamente in un determinato luogo in un determinato tempo.

Lo screenshottaro ruota il mouse in un ambiente e un tempo che non esistono. Quindi anche tutti quelli che disegnano digitalmente sono incapaci perchè basta modificare a caso parametri? E comunque non è nello spazio e nel tempo e non ha davvero in mano un pennello o una matita. Ok. Anche nella fotografia escono foto a caso, perchè molti convinti si prendono una reflex a caso, smanettano con le funzioni automatiche e fanno una foto bellissima a caso, non sono fotografi professionisti ma è una foto, fatta a caso ma sempre una foto. Io a un paragone così insensato non so onestamente cosa rispondere. Alfonso quello sul calcio è sensato però eh. Sto usando il tuo stesso metodo. Lo sai benissimo che certe cose le si possono imparare simulandole. Non tutte peró, ma per insegnare a pilotare aerei usano simulatori di volo, non vedo perchè un simulatore di foto non puó insegnarmi a fare foto. Non è lo strumento che fa la differenza tra una forografo e un non fotografo, ma è la capcità di saper usare lo strumento, sia che esso sia fisico che digitale, la capacità di saper posizionare gli oggetti, sia essi fisici che digitale, la capacità di sapersi posizionare ecc ecc. Perché non è di un simulatore di foto che stiamo parlando. Ma di uno screenshot.
Non di un simulatore di una macchina fotografica. Il photo mode non è un simulatore di una machina fotografica? Vabbe. Ma quindi secondo questo concetto uno che disegna col Paint è un pittore? Il photomode per essere un simulatore di macchina fotografica necessiterebbe di un piccolo add-on.

Il mondo reale. Vabbè ho capito non c’è niente da fare. Allora tutti i simulatori sono inutili e tutto ció che non viene fatto nella cita reale allora non è la stessa cosa. Se dovete fare questo ragionamento lo dovete applicare ad ogni cosa. Musica fatta senza strumenti vari, disegno senza strumento ecc ecc. Mirko sei poco poco drastico nei tuoi ragionamenti 😀 Alessio De Matteo nono io sono coerente, se bisogna fare un ragionamento bisogna applicarlo allo stesso modo. Non potete applicare il vostro ragionamento in base ai vostri gusti personali. Non potete appena uno vi fa notare che non ha senso dire sempre che sono paragoni senza senso. Perchè i simulatori da sempre insegnano, venirmi a dire che manca il mondo reale è ridicolo. Quindi perchè il disegno digitale si e la fotografia digitale no? Perchè la musica digitale si e la fotografia digitale no? Perché nel disegno e nella musica digitale, la digitalizzazione è comunque uno strumento di creazione.
Negli screenshot il digitale non è uno strumento creativo. Non ci vuole molto a intuire la differenza. Cioè sono strumenti di interpretazione della realtà. Non la realtà stessa da interpretare. Mirko stai ragionando per sillogismi, il che porta a paradossi proprio perché non esiste un minimo comun denominatore per tutto ma solo quello applicabile al maggior numero di concetti possibile (quindi non tutti): altrimenti “alcune droghe fanno male” = “tutte le droghe fanno male” - stai ragionando come Giovanardi, ti rendi conto? 😂 Alessio De Matteo Difficile farglielo capire. Eh quando parte in modalità berserk è difficile placarlo 😀 mi riferisco al “se ragionate così per un singolo argomento dovete farlo sempre per tutti gli argomenti” Mah mi avete solo dato ragionamenti filosofici e non avete saputo rispondermi al fatto del perchè la musica digitale si e la foto digitale no. Secondo il vostro ragionamento uni che usa un programma per fare musica non sa suonare davvero uno strumento, quindi quella non è musica? Davvero non capisco se ho uno strumento che simula in tutto e per tutto una foto non capisco perchè non deve essere una foto. Aggiungo, un fotografo professionista usa il photo mode per fare una foto, sceglie la luce, la posizione, inquadra, diaframma e tutte quelle cose che puó fare per farla uscire bene. Scatt e pubblica e quell non è una foto solo perchè non era fisicamente li e non aveva fisicamente in mano uno strumento? Ma se la stessa cosa cioè luce posizionare, diaframma la fa sempre dal gioco poi prende una vecchia macchina fotografica che non ha impostazione, scatta allora è una foto? Vi rendete conto anche voi che non ha senso vero? Voi state confondendo le cose il fatto che puoi fare una bella foto digitale muovendo a caso il mouse non vuol dire che quella non è definibile foto, quello è tutto un altro argomento. Lo screenshottaro sta al fotografo come il giocatore di guitar hero sta al suonatore di chitarra.

Ok così?
Simulare il tempo immobile è parte della capacità del fotografo. Lo screenshottaro non deve simulare niente, il motore stoppa per lui. E anche qui il Maestro Gaminescio ci spiega la differenza tra "fotografia" e "fotografia secondo me". Tu parli di qualcosa, qualsiasi cosa, e lui ti spiega la differenza. È bellissimo. <3 Grazie grazie.
Io aspetto sempre una tua prima risposta che vada aldilà del l'analisi testuale di quel che faccio io e aggiunga... Qualunque cosa alla discussione 🤣

Ti aiuto io. Completa la frase:

"Secondo me invece il fotografo è quello che..."
FIIIIUUUUUUUUUUUUUU... Ci ho provato sopra, ma il commento è andato perduto in mezzo ai vaneggiamenti :D Ihih io rispondevo a Carmelino che vive talmente tanto nel mio mito dal non essere in grado di farmi capire lui che cacchio pensa di alcunché 😂 Simone io parlavo col Maestro Gaminescio, che ogni giorno sente il bisogno di spiegare a qualcuno un "qualcosa", qualsiasi cosa, dal marketing al sesso degli angeli, scambiando la sua personale e limitata visione del mondo per "oh ragà la realtà è QUESTA, se voi vivete nel mondo dei sogni non è colpa mia". Uno ci ride sopra la prima volta, la seconda, la terza, pure la quarta, tòh. Dopo però, visto che la cosa è sistematica, cominci a capire che il problema è percettivo, è il risultato di una filter bubble spacciata per "LA Realtà". Alla lunga sta cosa può causare sensazioni che variano dal "Sì ok, addio" al "Ma che cazzo sto leggendo nel 2017?". Quando pubblicherai la mia biografia non autorizzata ti prometto che non chiederò un euro. 🤗 Cosa pensi tu però BOH. Mistero.
Ho trovato la soluzione al dilemma! Invece di usare il photo mode basta fare una foto con la reflex al televisore o al monitor, così tutte le vostre analogie del cazzo vanno a farsi benedire.

Guarda per loro guella sarebbe una fotografia.
Ma perché negli ultimi anni tutti vogliono diventare fotografi? :O
Per gli stessi quattro motivi di sempre: donne, soldi, potere e donne Allora mi sembra buono e giusto 😀
Maestro Gaminescio, mi permetto di dissentire. Nonostante io stia approfondendo la materia per questioni lavorative, non sento il bisogno di andare in giro a "spiegare le cose". Capisco che ci sia un problema di "faccio quindi sono" alla base, ne prendo atto e amen, ma non penso che sia mio compito "spiegare le cose". C'è gente che viene pagata per farlo. Io non vengo pagato. Lei invece sente il bisogno di farlo? Bene, allora vadi pure, siamo tutti qui per apprendere e la ringraziamo per condividere con noi la sua conoscenza della materia a costo zero. Alla lobby dei fotografi professoroni questa cosa, però, darà molto fastidio. Stia attento, che poi la cenzuranoh. Che poi sono Screenshot Da fotografo abbastanza competente sono in disaccordo. Chiaramente e' fotografia in ambienti virtuali, ma si puo' a mio vedere chiamare fotografia.

Dato che opera per sottrazione, non hai controllo sul mondo ma catturi qualcosa di esistente, usa fondamentalmente lo stesso linguaggio e le stesse tecniche.

Del resto se fai un film in CGI hai registi, attori e fotografi esattamente come un film dal vivo, non e' che diventano e-attori, e-direttori della fotografia ed e-registi... :D
Usa lo stesso linguaggio, ma con un lessico enormemente limitato. Perche' limitato? Per la dimensione/varieta' delle situazioni - dei mondi? Perché quello che catturo nel videogioco è la risultante di una serie di processi matematici che di fatto limitano la sostanza del mondo stesso. Perché l'attimo del videogioco non è l'attimo del reale, ma solo un surrogato che preso a se stante non racconta nient'altro che il prodotto dal quale l'ho tratto. Perché i videogiochi hanno tutto un altro linguaggio e le immagini che piglio possono essere illustrative del gioco in sé, ma non espressive fuori da esso. Oppure vuoi dirmi che fare il ritratto di un personaggio di un videogioco che già di sé è un ritratto (o, meglio, una scultura 3D) è la stessa cosa che fotografare una persona vera? Su, sinceramente non capisco perché partendo da alcune somiglianze si voglia arrivare a una vera e propria equiparazione. Cartier-Bresson faceva una cosa, chi piglia screenshot nei videogiochi un'altra. Gli screenshot possono essere bellissimi e composti con gusto fotografico, ma sempre screenshot rimangono perché privi di tempo e realtà. Quindi aspetta, se io sono un fotografo di prodotti, campo e faccio bei $ fotografando orologi, gioielli etc non posso dirmi fotografo? Il fotografo è solo chi segue l’attimo alla Bresson? Ad esempio -
https://www.phillipshannonphotography.com/portfolio/jewellery.php

Phillip Shannon Photography | Jewellery Photography Leeds Yorkshire - Phillip Shannon Photography

www.phillipshannonphotography.com Jewellery photography portfolio of phillip shannon professional jewellery photographer leeds
Simone Tagliaferri Qua mi convinci abbastanza, in effetti è un surrogato. Angelo Pesce Certo che sei fotografo in quel caso. Fai un genere particolare, ma lo sei. Lo strumento c'è, la realtà anche e le capacità che sviluppi sono traslabili anche negli altri generi di fotografia. In un certo senso c'è anche l'attimo, visto che l'oggetto che fotografi è comunque determinato nello spazio tempo. Certo, in questo caso è il fine a essere molto specifico, ma questa, come si suol dire, è un'altra storia. La fotografia esiste in un continuo. Da un estremo, il soggetto in se non e' interessante, e' il modo di fotografarlo che lo diventa. Questo e' il caso della fotografia di prodotto, di still life, e simile. Dall'altro, il soggetto in se e' interessante, e riuscire a catturarlo e' l'impresa. Questa e' la fotografia di reportage, di guerra, e cosi via. In mezzo si va dalla pubblicita' al fashion alla ritrattistica.

La fotografia virtuale e' chiaramete una fotografia di prodotto. Tant'e'. Non riesco a trovare differenze significative tra quello che fa DeadEndThrills con una fotocamera virtuale e chi fa foto pubblicitarie di still life. Stesso liguaggio, stessi controlli e mezzi, l'unica differenza e' ovviamente che il soggetto in un caso e' un oggetto reale e nell'altro un modello 3d, non mi pare una differenza sostanziale. "Riuscire a non fare Game Over sopratutto"

Angelo Pesce Non è una differenza sostanziale? Perche' sostanziale? E' una differenza sostanziale fare un illustrazione con un pennello o con photoshop? Non chiamiamo entrambi gli artisti "illustratori"? E' una differenza sostanziale curare la regia di un film con attori veri rispetto ad attori virtuali? Non chiamiamo entrami i direttori "registi"? "E' una differenza sostanziale fare un illustrazione con un pennello o con photoshop?" Dipende da che obiettivo ti poni. Mettiamola così: Campo di Grano con Corvi non puoi farlo con Photoshop. "E' una differenza sostanziale curare la regia di un film con attori veri rispetto ad attori virtuali?" Sì, gestire gli attori veri è completamente diverso dal gestire gli attori virtuali. Sei comunque un regista, ma fai cose davvero molto diverse e ti rapporti con professionalità molto diverse. Chiamiamo entrambi registi perché il lavoro di regia non consiste solo nel gestire gli attori, ma soprattutto nel saper inquadrare una scena e concepirla in vista del montaggio. Ma ovviamente non sono cose identiche, come un fotografo di fashion non saprebbe manco dove iniziare a fotografare un paesaggio o un reportage e viceversa... Non si usano neppure gli stessi strumenti!

Ma questo non significa che non sono tutti fotografi, tutti registi e tutti illustratori! Sostanzialmente se si tratta di un espressione artistica che usa un linguaggio simile, tecniche simili e richiede simili abilita', perche' non si puo' dire che siano tutte -forme- della stessa arte, in questo caso, una -forma- di fotografia? Angelo Pesce Oddio, io di fotografi glamour ne ho conosciuti e un paesaggio sapevano fotografarlo, come sapevano fare street e still life. non gliene fregava nulla, ma sapevano farlo: sapevano quali obiettivi utilizzare, come valorizzare i rapporti spaziali, quali filtri montare sull'obiettivo, quanto aprire il diaframma e così via. Uno che piglia immagini nei videogiochi, invece, non ha bisogno dei fondamentali e non è detto che sappia fare fotografie. Io credo che usare i canoni estetici della fotografia interagendo con un mondo artificiale statico e modulabile alla bisogna possa portare a realizzare immagini sopraffine che però non sono fotografie.
hai creato un vespaio dottore!
Ogni tanto bisogna dare qualche stimolo al webbe, sennò sono solo pompini a vicenda e non va bene.
http://i0.kym-cdn.com/photos/images/newsfeed/000/766/053/409.gif

Comments are closed.